849, Jihad, religione, soldi,

Societá, Morsi, Fratelli Musulmani, Notizie, Nel mondo, Proteste, Islam, Prostituzione, Donne, Africa, Egitto

Egitto, le sostenitrici di Morsi, sono pronte, a fare la "sexy jihad".. Le sostenitrici del deposto presidente Mohamed Morsi si preparano alla "sexy jihad" per sostenere il morale, dei militanti dei Fratelli Musulmani, nella lotta contro, il colpo di Stato.
Le attiviste islamiche, aspettano solo l'approvazione delle autorità religiose, dopodiche', forniranno ai militanti "servizi sessuali". Finora le autorità religiose cercano di frenare l'iniziativa. Il termine "sexy jihad" è apparso relativamente, di recente come prodotto della guerra in Siria: alcuni imam hanno formulato una fatwa in base alla quale le donne musulmane possono prostituirsi, per soddisfare i fondamentalisti islamici siriani. 
ecco, cosa succede, quando, 4 donne, devono dividersi un solo uomo!




La grande Jihad, religione o soldi?
Tags: Radio, Terrorismo, Politica, Jihad, islamismo, Nel mondo
Igor Siletskiy, Redazione Radio
   
15.10.2013, 


In molti paesi d’Europa e anche nel resto del mondo gia’ da tempo e con successo funzionano i campi di addestramento, degli islamisti radicali. Ultimamente emergono sempre nuovi fatti che confermano, la complicita’ dei combattenti con passaporto europeo, in grandi atti terroristici, e il loro coinvolgimento, nelle vicende della “primavera araba” e nella guerra civile in Siria.

Una ragazza francese di 20 anni tramite Internet ha cercato di contattare una grande rete terroristica. La polizia francese ha agito con molta professionalita’ e la ragazza e’ stata fermata. Tuttavia, pur occupandosi di casi specifici, le autorita’ dei paesi europei preferiscono chiudere un occhio sul problema globale: dopo ogni azione dei terroristi si continua a dire che si tratta di un caso isolato. Tale e’, per esempio, l’opinione di Alain Chouet, esperto di European Security Intelligence and Strategy Center.

E’ solo un episodio di cronaca criminale: ci sono dei giovani che vogliono sapere dell’attivita’ di Al Qaeda e usano per questo Internet. Non si deve sopravvalutare questo fenomeno: in Francia ci sono cinque milioni di musulmani, ma i casi di cui stiamo parlando sono pochissimi.

In Belgio quello che sta accadendo in Francia e’ visto diversamente. Dice Anne-Marie Lizin, presidente onorario del Senato belga.

Sia in Francia che in Belgio vediamo la stessa cosa: c’e’ chi continua a reclutare i giovani, e anche persone di mezza eta’, nelle file del Jihad. La gente va a combattere per soldi, perche’ ci sono alcune potenze che finanziano queste operazioni.

Un altro punto caldo sono i Balcani. Secondo gli osservatori questa zona rischia di diventare un caposaldo degli islamisti radicali in Europa. Negli ultimi mesi dal Montenegro giungono regolarmente notizie che confermano l’attivismo dei sostenitori dell’Islam radicale. Il fenomeno e’ conosciuto bene anche in Macedonia. Secondo l’esperto macedone Ivan Babanovski, Al Qaeda aveva organizzato dei suoi campi di addestramento nella parte del paese controllata dai terroristi dell’Esercito di liberazione nazionale.

I fatti di cui sopra fanno capire i motivi che guidano i governi d’Europa e di Washington. Il Kosovo indipendente e’ una creatura degli USA e dei loro alleati. L’esperto tedesco Hans Krech, intervistato da La Voce della Russia, ha rilevato che in Kosovo nulla accade all’insaputa dei suoi protettori.

Una relazione molto interessante e’ stata pubblicata un paio di mesi fa dalla rivista americana “Defense and foreign affair strategic policy”. A credere agli autori di questa relazione, gia’ da molti mesi gli USA stanno addestrando in Giordania 3 mila combattenti che intendono usare in Siria contro il governo di Damasco. Sulle riviste arabe poi ho letto che anche i servizi segreti della Francia sono coinvolti nell’addestramento dei ribelli.

Si danno da fare anche gli alleati orientali della NATO, tanto piu’ che gli eventi degli ultimi tempi, in particolare il conflitto in Siria, li riguardano da vicino.

Gli slogan con i quali vanno a combattere gli estremisti islamici sono tradizionali: lottare contro gli infedeli e creare un grande stato islamico. Il veterano dei servizi segreti russi Sergej Gontcharov crede pero’ che in realta’ la maggioranza dei “combattenti islamici” non siano altro che mercenari.

Chi e’ che combatte in Siria? Una massa di mercenari confluiti da tutto il mondo. Sono proprio dei mercenari che nella maggioranza dei casi combattono per soldi.


"Gli arabi iniziano a capire che Israele non è un nemico"
15 ottobre 2013. "Per la prima volta dalla nascita di Israele, nel mondo arabo esiste l'idea che Israele non è il nemico degli arabi," - ha dichiarato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. →MA, QUESTO DEVE ESSERE AMMESSO, NON POTRÀ, MAI ESSERE IL CONTRARIO, È SOLTANTO, UNA VIPERA, CHE, ASPETTA IL MOMENTO OPPURTUNO, LA SHARIA, INFATTI, È IL DEMONE DEL CALIFFATO MONDIALE

[voi i martiri cristiani, uccisi da voi, quando li vendicate?] I giovani iraniani si stanno preparando allo “ #jihad #siriano” Secondo i comunicati delle agenzie d'informazione #iraniane, nel Paese si sta attivano il movimento dei giovani, della mobilitazione per lo “ #jihad #siriano”. Le organizzazioni dei giovani hanno dichiarato l'apertura degli uffici leva. [voi i martiri cristiani, uccisi da voi, quando li vendicate?]
Al Presidente della Siria Bashar al-Assad è stata mandata la lettera in cui gli attivisti iraniani chiedono permesso di organizzare una base militare, sulle Alture del Golan, “la più importante, zona strategica, della Siria”. [voi i martiri cristiani, uccisi da voi, quando li vendicate?] “i Gruppi di #Resistenza” giurano che toglieranno, con, il sangue “la macchia di vergogna, di 60 anni di #occupazione #sionista, i crimini di 30 anni, contro, l'islam e un decennio di attacchi americani ingiustificati, contro, gli #Stati #arabi”. --answer -- sorry, ragazzi, il #Golan serve, al mio Regno, di Palestina.. ma, forse non vi state dimenticando di Assad, che, sta, per affogare, sotto l'impeto di, un altra jihad sunnita? certo che, no! infatti, voi siete una sola, ed unica, jihad, il carosello, della morte, la danza mortale, che, l'Ermellino(lega Araba) fa contro, il coniglio (Israele).. e, un ultima domanda, voi i martiri cristiani, uccisi da voi, quando li vendicate?

[[ Puntando sull’Ue Kiev corre il rischio di perdere molto ]] Più si avvicina il momento della firma di un trattato sull’adesione dell’Ucraina all’Ue come membro associato, più accese sono le polemiche in materia di giustezza di questa decisione. Chi è interessato a che l’Ucraina segua la via dell’integrazione europea? Le autorità ufficiali di Kiev, gli oligarchi nazionali, la parte di orientamento antirusso dell’élite europea ed americana o tutti insieme? Le opinioni al riguardo non sono concordi. Ma su un punto la maggioranza degli esperti concordano: non è il popolo ucraino! →la NATO MASSONICA, BILDENBERG, GLI ANTICRISTO, DEI FARISEI ANGLO ANMERICANI fMI, BCE, FED, ha interesse, ha creare, una, zona cuscinetto, da fare, massacrare, ai carrarmati russi, per fermarne l'avanzata


Tags: Radio, Societá, Ribelli, Siria, Europa, Nel mondo, Belgio

LA QUINTA COLONNA, DELLA JIHAD, IN EUROPA, SONO 1000, PERSONE, E CERTAMENTE, SI SONO MACCHIATI, DI CRIMINI DI GUERRA, STUPRO, DECAPITAZIONI, E GENOCIDIO.. PERCHÉ, QUESTA È LA RELIGIONE, DEI WAHHABITI, PER IL CALIFFATO MONDIALE, DI AL-QAIDA.. I LORO ORRORI, SONO STATI COPERTI, DAI MEDIA OCCIDENTALI, EBRAICO-MASSONICI, BILDENBERG, PERCHÉ, LA AGENDA, DEGLI ILLUMINATI, FARISEI-WAHHABITI, È QUELA CHE ISRAELE, DEBBA ESSERE DISTRUTTO.. QUELLO, che DA LORO, DEVE ESSERE EVITATO, assolutamente, è il pericolo, DI PERDERE IL CONTROLLO SUL MONDO, FMI-NWO, PER ESSERE COSTRETTI a RITORNARE, A VIVERE IN PALESTINA..

[la congiura, islamico saudita, contro, Africa ed Europa] È una rete molto efficace, che, possiede numerosi centri di arruolamento, presso le gigantesche diaspore, di oriundi dei paesi islamici, stabilitisi in Europa. La loro principale area di abitazione, sono l’Olanda, il Belgio - in maggiore misura, la Svezia, e la Norvegia – in misura minore, ossia laddove si creavano, le condizioni più propizie, per i cosiddetti rifugiati-martiri. L’essenziale è la base materiale, per l’arruolamento di neo #guerriglieri-islamisti, ossia il finanziamento,- dice #Lev #Korolkov. L’esperto è convinto che l’attività per il reclutamento di guerrieri dell’islam è finanziato prevalentemente dai paesi del #Golfo #Persico (ma, non sono gli alleati di zio Tom USA?).

[la congiura, islamico saudita, contro, Africa ed Europa]I mercenari reduci dalla guerra, che, abbiano avuto una buona esperienza di combattimento sul campo, impregnati di idee jihadiste sono un buon materiale di consumo completamente pronto ad essere usato. Secondo le parole di una serie di specialisti, negli ultimi anni la politica esterna dell’Ue provoca la minaccia di terrorismo all’interno dell’Europa stessa. E la quarta generazione, ora attiva, degli immigrati-musulmani dice in via assoluta “No!” alla civiltà occidentale e si sta apprestando in modo sistematico alla guerra contro di essa.



La Quinta colonna della jihad in Europa
Tags: Radio, Societá, Ribelli, Siria, Europa, Nel mondo, Belgio
Nikita Sorokin
   
18.04.2013, 18:06
   
    Stampare l’articolo     Dirlo ad un amico     Aggiungere al blog
16.03.2013 Сирия свободная народная армия оружие Дамаск
Scaricare l'audio
   
Foto: EPA
La polizia belga ha proceduto alla liquidazione della rete dei centri di arruolamento delle reclute per le formazioni di ribelli siriani. Gli arruolatori sono attivi in tutti i paesi dell’Ue, e i mercenari-islamisti reduci dalla guerra risultano essere idonei all’utilizzo all’interno dell’Ue stessa.

Il Belgio, certo, non è il primo paese europeo le cui autorità siano preoccupate per i problemi dell’arruolamento di loro cittadini per le formazioni armate dell’opposizione siriana. Stando a vari dati, alla guerra contro il regime di Bashar Assad hanno aderito alcune centinaia di cittadini dell’Ue.

I dicasteri di polizia europei ne sono preoccupati non perché i loro connazionali possono arrecare un danno a Bashar Assad. Il fatto è che tutti questi “volontari”, pur possedendo passaporti europei, nella stragrande maggioranza sono originari dei paesi dell’Africa Settentrionali, del Medio Oriente e dell’Asia Centrale. Perciò gli europei a pieno titolo sono vivamente preoccupati per la prospettiva di ritorno dei mercenari-islamisti dalla guerra: di che cosa si occuperanno qui i soldati della fortuna? In questo ambiente si è formata una netta struttura di raggruppamenti e cellule estremistici,- ha specificato il colonnello Lev Korolkov, esperto di situazioni di crisi, veterano del Servizio di Controspionaggio della Federazione Russa:

È una rete molto efficace che possiede numerosi centri di arruolamento presso le gigantesche diaspore di oriundi dei paesi islamici, stabilitisi in Europa. La loro principale area di abitazione sono l’Olanda, il Belgio - in maggiore misura, la Svezia e la Norvegia – in misura minore, ossia laddove si creavano le condizioni più propizie per i cosiddetti rifugiati-martiri. L’essenziale è la base materiale per l’arruolamento di neo guerriglieri-islamisti, ossia il finanziamento,- dice Lev Korolkov. L’esperto è convinto che l’attività per il reclutamento di guerrieri dell’islam è finanziato prevalentemente dai paesi del Golfo Persico. I mercenari reduci dalla guerra che abbiano avuto una buona esperienza di combattimento sul campo, impregnati di idee jihadiste sono un buon materiale di consumo completamente pronto ad essere usato.

Secondo le parole di una serie di specialisti, negli ultimi anni la politica esterna dell’Ue provoca la minaccia di terrorismo all’interno dell’Europa stessa. E la quarta generazione, ora attiva, degli immigrati-musulmani dice in via assoluta “No!” alla civiltà occidentale e si sta apprestando in modo sistematico alla guerra contro di essa.